Cerca nel blog

giovedì 10 marzo 2016

LE PAROLE DEL TEMPO

 Pioverà? Non pioverà?
Farà brutto? Farà bello?
Dovrò uscire con l’ombrello?
Ma se uscissi con l’ombrelllo
lo so già farebbe bello.
Eppoi questo non è tutto.
Senza ombrello, ci scommetto,
muterebbe in tempo brutto.
Sole, pioggia, ma perché vi burlate sempre di me? 

( Colombini Monti)

Le parole del tempo

Com’è il tempo oggi? Piove (=llueve), c’è il sole (=hay sol), fa freddo (=hace frío), c'è la nebbia (=hay niebla)?
  • C’è il SOLEÈ una giornata soleggiata (=hace un día soleado)
  • C’è la PIOGGIA (=la lluvia). Il tempo è piovoso (=el tiempo es lluvioso).
  • C’è la NEVE (=la nieve). Fuori sta nevicando (=fuera está nevando)
  • Ci sono le NUVOLE (=las nubes). Il cielo è nuvoloso (=el cielo está nublado)
Rispondi alle domande della "La scheda del tempo".

E ieri a Barcellona che tempo faceva?
- C'era il sole (=había sol).
- Pioveva e faceva freddo (=llovía y hacía frío)

E domani che tempo farà?
- Ci sarà molto vento e farà freddo.

LE PRECIPITAZIONI (=las precipitaciones)
1) La pioggia (=la lluvia) : scende la pioggia (Gianni Morandi)
Piovere (=llover): piove (Jovanotti)
Piovere a catinelle/ piovere a dirotto (=llover a cántaros)

Imperfetto: 
Ieri pioveva a catinelle

Passato prossimo:
Il fine settiman scorso ha /è piovuto sempre (tutti i verbi che esprimono condizioni atmosferiche usano indifferentemente essere o avere , anche se la tradizione grammaticale consiglierebbe l'ausiliare essere).


2) La neve (=la nieve): la neve (Mina)
Nevicare (=nevar): nevica (Max De Angelis)

Imperfetto indicativo: 
Nel mio paese nevicava ogni inverno (=en mi pueblo cada invierno nevaba)


Passato prossimo: ha /è nevicato
 L'otto marzo 2010 ha / è nevicato a Barcellona.

3) La grandine (=el granizo): sole e grandine (Luca Marino)
Grandinare (=granizar)

Imperfetto: 
Grandinava ormai da mezz'ora (=granizaba desde hace ya media hora)


Passato prossimo: 
Dove ha /è grandinato ieri?

4) Il temporale (=la tormenta): il temporale (Stadio)
il fulmine, i fulmini  (=el rayo). Ma un colpo di fulmine significa 'un flechazo' e un fulmine a ciel sereno significa all'improvviso (=de repente).
Il lampo, i lampi (=el relampago)
Il trono, i troni (=los truenos)


Ieri  un forte temporale si è abbattuto su Barcellona con il cielo che verso le 17 si è improvvisamente oscurato, riempendosi di lampi e tuoni.
 
5) Il diluvio: il diluvio universale (Annalisa)
Diluviare
Imperfetto: 
Tantissima pioggia ieri, diluviava 

Passato prossimo:  
Ha/è diluviato tutta la notte.

Mhhh...che altro c'è? (=¿qué más hay?)
C'è il vento  e la brezza (=el viento y la brisa)
C'è l'umidità (=la humedad)
C'è l'afa (=el bochorno)
C'è la nebbia (la niebla)
C'è la rugiada (=el rocío)
C'è la brina (=la brizna)
C'è l'arcobaleno (=el arcoiris)

Di solito che tempo fa a Barcellona?
C'è il sole quasi tutto l'anno, piove poco, anche se quando piove diluvia. Non c'è mai la nebbia e di rado nevica, ma quando cade un po' di neve, come l'otto marzo del 2010, la città va in tilt (=la ciudad se colapsa).

Com'è il tempo a  Barcellona d'estate/ in estate (=en verano)?
È sempre bello, fa molto caldo, ma un caldo afoso (=un calor bochornoso). 

Che tempo fa a Barcellona d' inverno/ in inverno (=en invierno)?
Il tempo è bello,  non fa molto freddo ma è un freddo umido non secco.

Il tempo qui e altrove (=el tiempo aquí y en otro lugar): 

Che tempo fa oggi a Roma? E a Firenze? Che tempo è previsto domani a Bologna? Cercalo sui siti internet con le previsioni del tempo: ilmeteo.it o meteo.corriere.it.Confronta  il clima della tua città con quello di altre: scheda "Confronto il clima di due luoghi".

Il clima in Italia
 Il testo del Centro COME è un testo semplificato, fatto da bambini di quinta di primaria, che fornisce una serie di informazioni sulla geografia e sul clima dell'Italia:" Geografia e clima dell'Italia".


Ma che freddo fa (Nada)


D'inverno il sole stanco
a letto presto se ne va
non ce la fa più
non ce la fa più
la notte adesso scende
con le sue mani fredde su di me
ma che freddo fa
ma che freddo fa 

basterebbe una carezza
per un cuore di ragazza
forse allora sì - che t'amerei. 

Cos'è la vita
senza l'amore
è solo un albero
che foglie non ha più
e s'alza il vento
un vento freddo
come le foglie
le speranze butta giù
ma questa vita cos'è
se manchi tu.

Mi sento una farfalla
che sui fiori non vola più
che non vola più
che non vola più
mi son bruciata al fuoco
del tuo grande amore
che s'è spento già
ma che freddo fa
ma che freddo fa
tu ragazzo m'hai delusa
hai rubato dal mio viso
quel sorriso che non tornerà.
 

Cos'è la vita
senza l'amore
è solo un albero
che foglie non ha più
e s'alza il vento
un vento freddo
come le foglie
le speranze butta giù
ma questa vita cos'è
se manchi tu. 


Non mi ami più
che freddo fa
cos'è la vita
se manchi tu
non mi ami più

che freddo fa

 

 






mercoledì 9 marzo 2016

DESCRIVERE FISICAMENTE UNA PERSONA




La faccia o il viso (=la cara) può essere:
- tonda (=redonda), pallida, rosea (=rolliza), con lentiggini (=con pecas),  lentigginosa (=pecosa), bella (=guapa), brutta (=fea), allegra (=jovial), invecchiata (=envejecida), ringiovanita (=rejuvenecida), faccia rifatta (=cara operada).


Può avere: 
- uno sguardo profondo (=una mirada profunda) e un bel sorriso (=una hermosa sonrisa); le guance arrossiscono (=las mejillas enrojecen) e gli occhi, oltre a vedere e a guardare, ridono e piangono (=los ojos, además de ver y mirar, rien y lloran)



- La statura. In base a quest’ultima una persona può essere:
bassa, alta o di media statura.


- In base al peso del corpo una persona può essere:
grassa (=gorda) , magra (=delgada), snella (=esbelta) o normale.


- La corporatura (=la constitución) può essere:
- ben fatta, diritta, curva, esile /gracile (=canijo), grande, grossa (=corpulenta), grassa (=gorda), magra (=delgada), piccola, regolare, snella (=esbelta), robusta, forte.

I capelli (=el pelo) possono essere:
lunghi o corti (=largos o cortos), spettinati (=despeinado)
ricci, lisci o mossi (=pelo rizado, lacio o ondulado), con frangia / con frangetta (=con flequillo), con i ricci (=con rizos), con la riga in mezzo (=con raya al medio), con ciuffo (=con tupé), con meches (=con mechas), capelli tinti (=pelo teñido), con le trecce (=con trenzas), con la coda (=con coleta), capelli con chignon (=con moño).
 

A seconda del colore, i capelli possono essere:
neri, castani o marroni (=pelo castaño), castani chiari / scuri, biondi (=pelo rubio), rossi (=pelirrojo), bianchi (=blancos), brizzolati (=pelo canoso);
Oppure si può dire che una persona è:
bionda, castana, brizzolata (=canosa), mora (con i capelli neri), canuta (=pelo blanco), calva.



- La fronte può essere:
  • ampia o stretta

- Gli occhi possono essere:
grandi o piccoli;
rotondi (=redondos)
a mandorla (=almendrados).
A seconda del colore possono essere:
neri, castani (chiari o scuri), verdi o azzurri.

- La bocca può essere:
grande o piccola

- Le labbra (=los labios) possono essere:
carnose/grosse o sottili (=finos)

- Il naso può essere:
grande o piccolo;
a patata (= nariz redonda)
. camuso, piatto (=nariz chata)
all’insù (=respingón)
aquilino (=nariz aguileña)

- Le orecchie possono essere:
- grandi, piccole o a sventola (=de soplillo)


- La carnagione, cioè il colore della pelle del viso, può essere:
chiara, scura, olivastra (= aceitunada).

- Altre caratteristiche possono essere:
avere le sopracciglia grosse / folte (=cejas pobladas) o sottili
. avere le ciglia lunghe (=pestañas largas)
la barba (avere-portare la barba);
i baffi (avere-portare i baffi) = el bigotes
il pizzetto (=la perilla)
. le basette (las patillas)

Per approfondire: 
 https://ascuolaconnoi.wordpress.com/2013/02/25/la-descrizione-di-una-persona/