Cerca nel blog

mercoledì 2 dicembre 2015

DEL DEMOSTRATIVO Y ARTÍCULO AL PRONOMBRE SUJETO


Un sujeto genéricamente indefinido y pluralizado no puede llevar, contrariamente a lo que ocurre en español, un verbo en primera o segunda persona del plural. Si queremos usar estas formas verbales, debemos identificar aquél explícitamente mediante los pronombres sujetos noi y voi. Podemos distinguir, a este respecto, dos casos principales: 

a) ARTÍCULO  + QUE:

     - Los que hablamos inglés podemos viajar por el mundo.
        NO: Quelli che parliamo l'inglese possiamo viaggiare per il mondo.
        SI: Noi che parliamo inglese possiamo viaggiare per il mondo.
 
      - Los que habláis inglés podéis viajar por el mundo.
        NO: Quelli che parlate inglese potete viaggiare per il mondo.
        SI: Voi che parlate inglese potete viaggiare per il mondo / quelli che parlano inglese possono viaggiare per il mondo.

       - Los que estudiamos aquí aprendemos mucho.
          NO: Quelli che studiamo qui impariamo molto.
          SI: Noi che studiamo qui imapriamo molto.

        - Los que estudiáis aquí aprendéis mucho.
         NO: Quelli che studiate qui imparate molto.
         SI : Voi che studiate qui imparate molto. / quelli che studiano qui imparano molto.

b) ARTÍCULO + NOMBRE:

    - Las alemanas no somos todas rubias.
      NO: Le tedesche non siamo tutte bionde.
      SI: Noi tedesche non  siamo tutte bionde.

    - Las alemanas no sois todas rubias
      NO: Le tedesche non siete tutte bionde.
      SI: Voi tedesche non siete tutte bionde.

    - Los españoles somos alegres.
      NO: Gli spagnoli siamo allegri.
      SI: Noi spagnoli siamo allegri.

    - Los españoles sois alegres.
       NO: Gli spagnoli siete allegri.
        SI: Voi spagnoli siete allegri.


Tratto dal capitolo 'El artículo (III). Los demostrativos' dell'eccellente manuale di grammatica italiana 'Curso de lengua italiana' di Manuel Carrera Díaz (Ariel edizioni). 
Questo manuale di lingua italiana a me è servito, paradossalmente, per imparare lo spagnolo, poiché è stato concepito dall'autore secondo il metodo contrastivo (confronta costantemente lo spagnolo e l'italiano, come si può vedere dagli esempi sopra riportati). 
In realtà, è un manule che si indirizza a studenti ispanofoni (e non ispanofobi!), che abbiano una buona conoscenza della loro lingua, senza la quale, dice l'autore, risulta difficile l'apprendimento di un altro idioma. 
Il manuale consta di due volumi. Il primo si occupa della parte teorica (48 capitoli che, secondo l'autore, dovrebbero svolgersi in due anni), il secondo della parte pratica con i suoi relativi esercizi di grammatica. Alla fine di ogni capitolo vengono presentati alcuni aspetti socio-linguistico-culturali molto interessanti e originali.
Per chi fosse interessato ad approfondire la grammatica italiana e conoscerne le somiglianze e le differenze con quella spagnola, è un libro assolutamente da consultare: vi aiuterà non solo nella conoscenza dell'italiano ma anche dello spagnolo.