Cerca nel blog

giovedì 29 novembre 2012

A proposito della Catalogna

Un video su quello che succede in una regione europea del mediterraneo.

La sinistra radicale e indipendentista catalana?? e CUP allora??
La sinistra radicale e indipendentista catalana si è confermata la vincitrice morale delle elezioni anticipate per il rinnovo del parlamento regionale.

L'Esquerra Republicana ha ottenuto 21 seggi, più del doppio rispetto allo scrutinio precedente, ed è ora il secondo partito in Catalogna.

Complice la crisi economica, nella regione si è rafforzato il desiderio di un distacco da Madrid.

"Gli elettori catalani si sono fatti sentire - ha detto il leader della sinistra radicale Oriol Junqueras - e hanno votato a favore del processo di indipendenza".

Scommessa persa per il governatore Artur Mas, che aveva indetto elezioni anticipate e cavalcato le rivendicazioni separatiste nel tentativo di aggiudicarsi una maggioranza assoluta. Il suo partito di centro desta resta la prima forza politica, ma ridimensionata.

"Chi pensa che il processo di autodeterminazione che avevamo iniziato sarà interrotto si sbaglia e dovrà ricredersi", ha detto Mas ai suoi sostenitori.

I socialisti sono relegati a terza forza politica nella composizione del nuovo Parlamento catalano, che vede rappresentata una maggioranza di partiti favorevoli all'indipendenza della regione.

Eppure il sogno separatista, in ogni sua forma, si fa ora più lontano. Anche se Artur Mas sarà costretto a scendere a compromessi con la sinistra radicale, la distanza tra le due formazioni renderà difficile che l'istanza separatista trovi uno sbocco politico concreto.

martedì 27 novembre 2012

Questa domenica: gnocchi

Gnocco: sostantivo usato soprattutto al plurale. Il classico gnocco è un bocconcino tondeggiante di pasta di farina e patate, lessato e condito con sugo di carne o con burro. Variante: Gnocchi alla romana, di semolino e latte, conditi con burro e cotti al forno.

Quale articolo determinativo mettiamo davanti al sostantivo 'gnocchi'?
Che significa l'espressione 'sei uno gnocco' o 'sei uno gnoccolotto'? e 'cadendo si è fatto uno gnocco in fronte'? E, quando si mangiano in Italia, il giovedì o la domenica per colazione? Se volete saperne di più:
Questa domenica, dalle 12 alle 16, in Aula d'italiano prepareremo gnocchi di patate. Inoltre, vedremo il film di Marco Bellocchio, Vincere. Chi è interessato può scrivere un'email a auladitalianopoblenou@gmail.com o chiamarmi al 625 940 917.

giovedì 22 novembre 2012

Viaggio nei dialetti: il sardo di Fabrizio

                               Monti di Mola di Fabrizio De Andrè

In li Monti di Mola
la manzana
un'aina musteddina era pascendi

in li Monti di Mola
la manzana
un cioano vantarricciu e moru
era sfraschendi


Sui Monti di Mola
la mattina presto
un'asina dal mantello chiaro stava pascolando
sui Monti di Mola
la mattina presto
un giovane bruno e aitante
stava tagliando rami

e l'occhi s'intuppesini cilchendi ea ea ea ea
e l'ea sguttesida li muccichili cù li bae ae ae

e l'occhi la burricca aia
di lu mare

e a iddu da le tive escia
lu Maestrale

e idda si tunchià abbeddulata ea ea ea ea
 iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae

e gli occhi si incontrarono mentre cercavano acqua
e l'acqua sgocciolò dai musi insieme alle bave
e l'asina aveva gli occhi
color del mare
e a lui dalle narici usciva
il Maestrale
e lei ragliava incantata ea ea ea ea
lui le rispondeva pronunciando male ae ae ae ae

'Oh bedda mea
l'aina luna
la bedda mea
capitale di lana

oh bedda mea
bianca foltuna.'

 'Oh bella mia
l'asina luna
la bella mia
cuscino di lana
O bella mia
bianca fortuna'

'Oh beddu meu
l'occhi mi bruxi
lu beddu meu
carrasciale di baxi

 oh beddu meu
lu core mi cuxi'

'O bello mio
mi bruci gli occhi
il mio bello
carnevale di baci
oh bello mio
mi cuci il cuore' 

 Amori mannu
di prima 'olta
l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa.

Amori steddu
di tutte l'ore
di petralana lu battadolu
di chistu core
.
 Amore grande
di prima volta
l'ape ci succhia tutto il miele di questo mirto.
Amore bambino
di tutte le ore
di muschio il battacchio
di questo cuore.

 Ma nudda si po' fa nudda
in Gaddura
che no lu ènini a sapi
int'un'ora.

e 'nfattu una 'ecchia infrasconata fea ea ea ea
piagnendi e figgiulendi si dicia cù li bae ae ae

'Beata idda
uai che bedd'omu
beata idda
cioanu e moru
beata idda

sola mi moru
beata idda
ià ma l'ammentu
beata idda
più d'una 'olta
beata idda
'ezzaia tolta'

 Ma nulla si può fare nulla
in Gallura
che non lo vengono a sapere
in un'ora
e sul posto una brutta vecchia nascosta tra le frasche
piangendo e guardando diceva fra sé con le bave alla bocca
'Beata lei
mamma mia che bell'uomo
beata lei
giovane e bruno
beata lei
io muoio sola
beata lei
me lo ricordo bene
beata lei
più d'una volta
beata lei
vecchiaia storta'

Amori mannu
di prima 'olta
l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa

Amori steddu
di tutte l'ore di petralana lu battadolu
di chistu core

Amore grande
di prima volta
l'ape ci succhia tutto il miele di questo mirto
amore bambino
di tutte le ore di muschio il battacchio
di questo cuore

E lu paese intreu s'agghindesi
pa' lu coiu
lu parracu mattessi intresi
in lu soiu


ma a cuiuassi no riscisini
l'aina e l'omu
chè da li documenti escisini
fratili in primu

e idda si tunchià abbeddulata ea ea ea ea
iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae.
E Il paese intero si agghindò
per il matrimonio
lo stesso parroco entrò
nel suo vestito
ma non riuscirono a sposarsi
l'asina e l'uomo
perché ai documenti risultarono
cugini primi
e lei ragliava incantata ea ea ea ea
lui le rispondeva pronunciando male ae ae ae ae.

mercoledì 21 novembre 2012

Questo sabato in Amistat 14 'Ca la Ramona'

Questo sabato 24 novembre in Amistat 14 'Ca la Ramona' (Poblenou) alle ore 20.30 un recital di poesia e musica.
E chiaramente cibo: sfogliatelle salate.



Scelta dell'ausiliare (per livello 1 e livello 2)

Studiando il passato prossimo, abbiamo visto quali siano le regole della scelta dell'ausiliare: avere per i verbi transitivi ed essere per quelli  riflessivi e intransitivi (gli intransitivi che indicano movimento, cambiamento di stato, permanenza, e gli impersonali). Ma abbiamo visto anche quante sono le eccezioni (molti verbi intransitivi vogliono l'ausiliare avere) e  i casi di incertezza (molti verbi consentono l'uso dei due ausiliari). In questo link troverete una tabella schematica che SPERO vi sia di aiuto nella scelta dell'ausiliare giusto.
IN BOCCA AL LUPO!!

Scelta dell'ausiliare  

martedì 20 novembre 2012

Viaggio nei dialetti: il genovese di Fabrizio

                                       A cumba di Fabrizio De Andrè

Pretendente:
Gh'aivu 'na bella cùmba ch'à l'é xeûa foea de cà
gianca cun'à néie ch'à deslengue a cian d'à sâ

Duv'a l'é duv'a l'é

che l'han vursciua vedde cegâ l'àe a stù casâ
spéita cume l'aigua ch'à derua zû p'ou rià


Nu ghe n'é nu ghe n'é nu ghe n'é


Padre:
Cau ou mè zuenottu ve porta miga na smangiaxun
che se cuscì fise puriesci anàvene 'n gattixun
Nu ghe n'é nu ghe n'é nu ghe n'é


Pretendente:
Vegnu d'â câ du rattu ch'ou magun ou sliga i pë


Padre:
Chi de cumbe d'âtri ne n'é vegnûe nu se n'é posé


Pretendente:
Vegnu c'ou coeu marottu de 'na pasciun che nu ghe n'è


Padre:
Chi gh'é 'na cumba gianca ch'â nu l'é â vostra ch'â l'é a me
Nu ghe n'é âtre nu ghe n'é / nu ghe n'é âtre nu ghe n'é


Coro:
A l'e xëuâ â l'é xëuâ / a cumba gianca
de noette â l'é xëuâ / au cian d'â sâ
A truvian â truvian / â cumba gianca
de mazu â truvian / au cian d'ou pan.


Pretendente:
Vui nu vuriesci dàmela sta cumba da maiâ
gianca cum'â neie ch'à deslengue 'nt où rià
Duv'a l'é duv'a l'é / duv'a l'é duv'a l'é



Padre:
Mié che sta cumba bella a stà de lungu a barbaciu
che nu m'à posse vèdde à scricchi 'nte n'âtru niu
Nu ghe n'é âtre nu ghe n'é / nu ghe n'é âtre nu ghe n'é



Pretendente:
A tegnio à dindanàse suttà 'n angiou de melgranâ
cù a cua ch'ou l'ha d'â sèa â man lingèa d'ou bambaxia
Duv'a l'é duv'a l'é / duv'a l'é duv'a l'é


Padre:
Zuenu ch'âei bén parlòu 'nte sta seian-a de frevâ


Pretendente:
A tegnio à dindanàse suttà 'n angiou de melgranâ


Padre:
Saèi che sta cumba à mazu a xeuâ d'â më 'nt â vostra câ


Pretendente:
Cu 'â cua ch'ou l'ha d'â sea â mân lingea d'ou bambaxia
Nu ghe n'é âtre nu ghe n'é / nu ghe n'é âtre nu ghe n'é


Coro:
A l'e xëuâ â l'é xëuâ / a cumba gianca
de noette â l'é xëuâ / au cian d'â sâ
A truvian â truvian / â cumba gianca
de mazu â truvian / au cian d'ou pan.


Duv'a l'é duv'a l'é / ch'â ne s'ascunde
se maia se maia / au cian dou pan
cum'a l'é cum'a l'é / l'é cum'â neie
ch'â ven zu deslenguâ / da où rià.


A l'e xëuâ â l'é xëuâ / a cumba gianca
de mazu â truvian / au cian d'â sâ
Duv'a l'é duv'a l'é / ch'â ne s'ascunde
se maia se maia / au cian dou pan


Cùmba cumbétta / beccu de séa
sérva à striggiùn c'ou maiu 'n giandùn
Martin ou và à pë / cun' l'aze deré
foegu de légne anime in çé.


Viaggio nei dialetti: il napoletano di Pino Daniele

                              Quanno chiove di Pino Daniele

E te sento quanno scinne 'e scale
'e corza senza guarda'
e te veco tutt'e juorne
ca ridenno vaje a fatica'
ma mo nun ride cchiù.
E luntano se ne va
tutt'a vita accussì
e t'astipe pe nun muri'.

E aspiette che chiove
l'acqua te 'nfonne e va
tanto l'aria s'adda cagna'
ma po' quanno chiove
l'acqua te 'nfonne e va
tanto l'aria s'adda cagna'.

Se fa scuro e parla 'a luna
e te vieste pe' senti'
pe' te ogne cosa po' parla'
ma te restano 'e parole
e 'o scuorno 'e te 'ncuntra'
ma passanno quaccheduno
votta l'uocchie e se ne va.

E aspiette che chiove
l'acqua te 'nfonne e va
tanto l'aria s'adda cagna'
ma po' quanno chiove
l'acqua te 'nfonne e va
tanto l'aria s'adda cagna'.

Viaggio nei dialetti italiani: a Novembre

Quale delle due vi piace di più?
L'originale di Giusy Ferrari




Ho difeso le mie scelte io ho
creduto nelle attese io ho
saputo dire spesso di no
con te non ci riuscivo.

Ho indossato le catene io ho
i segni delle pene lo so
che non volendo ricorderò
quel pugno nello stomaco.

A novembre
la città si spense in un istante
tu dicevi basta ed io restavo inerme
il tuo ego è stato sempre più forte
di ogni mia convinzione.

Ora a novembre
la città si accende in un istante
il mio corpo non si veste più di voglie
e tu non sembri neanche più così forte
come ti credevo un anno fa
novembre.

Ho dato fiducia al buio ma ora sto
in piena luce e in bilico
tra estranei che mi contendono
la voglia di rinascere

A novembre
la città si spense in un istante
tu dicevi basta ed io restavo inerme
il tuo ego è stato sempre più forte
di ogni mia convinzione.

Ora a novembre
la città si accende in un istante
il mio corpo non si veste più di voglie
tu non sembri neanche più così forte
come ti credevo un anno fa
novembre.

E tu parlavi senza dire niente
cercavo invano di addolcire
quel retrogusto amaro di una preannunciata fine.

Ohooo! Novembre
la città si spense in un istante
tu dicevi basta ed io restavo inerme
il tuo ego è stato sempre più forte
di ogni mia convinzione.

Ora a novembre
la città si accende in un istante
il mio corpo non si veste più di voglie
e tu non sembri neanche più così forte
come ti credevo un anno fa
novembre.

O l'ironica cover in dialetto celanese (Celano è un comune italiano di 11.184 abitanti della provincia dell'Aquila, nella Marsica, in Abruzzo)  di Viktor Piro

Me piace lasagne
me fa venì la papagna
n'uretta e mezzo dopo che te la magne
Ah!! I cannellone
Oddi comme so'bone.....

lunedì 12 novembre 2012

venerdì 9 novembre 2012

Non solo PiZZa


Questo sabato Ancora PiZZa nella nostra Aula d'italiano.

Dalle 18 in poi ammasseremo di nuovo, ma questa volta con musica dal vivo.

Chi si voglia sporcare le mani (=quién quiera ensuciarse las manos), è invitato!!

Qui il programma della serata in Amistat 14

mercoledì 7 novembre 2012

Povere zanzare non sono mai gradite anche se sono in abito da sera

Alle 4 e un quarto di mattina mi ha svegliato la solita zanzara d'autunno. Perché a Barcellona ormai ci sono le zanzare autunnali, quelle invernali, le primaverili e finalmente quelle estive, quelle vere di stagione, più agili e aggressive, che rompono le balle lo stesso ma sono più efficienti, vanno al dunque, non giocano a nascondino come queste autunnali. Ho aspettato con pazienza a luce accesa che si posasse sulla parete, l'ha fatto e zac!! stampata al muro!
Povera zanzara, non è mai gradita anche se è in abito da sera.

 Liviana Zanelli canta "La zanzara" al 5° Zecchino d'oro 1963.